·  home page     ·  contattaci     ·  vota il tuo gruppo/solista preferito  
Premio Daolio
Premio Daolio 2012 »
Albo d'oro »
Edizione 2012
I laboratori: parola ai tutor »
Iscriviti al Premio »
Diario del Premio »
I tutor »
I gruppi in gara »
Il bando del premio »
I premi »
Le votazioni »
Calendario eliminatorie »
Libri&Note »
Stampa & Media
News »
Rassegna stampa »
Photogallery »
Recensioni »
Altre informazioni
Partners »
Link »
Credits »


Diario del Premio
TERZA ELIMINATORIA

Al Calamita ci si aspetta una bella gara tra: UMA, Rachele e l'Armata Corallina e Fre Monti.

GRUPPI DELLA SERATA
UMA - vai alla scheda »
Rachele e l'armata corallina - vai alla scheda »
Fre Monti - vai alla scheda »

PHOTOGALLERY

Clicca le immagini per ingrandirle

AUDIORECENSIONE
Recensione terza serata eliminatoria 3-4-2012
Autore: Franco Montanari
Arrivata la terza recensione sulle esibizioni degli UMA, Rachele e l'Armata Corallina e Fre Monti. Puoi scrivere in totale libertà al presidente di giuria che sarà lieto di rispondere a questa mail giuria@premiodaolio.it
Ascolta la recensione »

VIDEO DELLE SERATE
Clicca le immagini per visualizzare i video


NEWS
In finale passa Fre Monti, il primo solista
4 aprile 2012
Il verdetto della giuria si chiama Fre Monti è il terzo concorrente a passare alla finale del 10 giugno in Piazza Zanti
leggi la news »
Premio Daolio, terza tappa
30 marzo 2012
Rock, pop-folk, oppure, cantautorato sperimentale. Sono questi gli ingredienti della terza semifinale del Premio Daolio che martedi 3 aprile (ore 21) al circolo Calamita di Cavriago
leggi la news »

COMMENTI INVIATI 18
william
17 aprile 2012
hai ragione, ma è la sindrome del "non siete nessuno" che ci spinge a ripeterlo. :)
geronimo
17 aprile 2012
scusa William, ma dalla vs esibizione, tra l'altro apprezzabilissima, l'unica cosa che non è stata chiara, è come vi chiamate? e da dove venite?
William
16 aprile 2012
Ciao amici, trovo bellissima la possibilità di discutere di una performance con persone altre.. Credo inoltre che il distacco dello schermo rende la cosa molto interessante.. in quanto permette ai giudizi di essere il più sincero e fazioso possibile ma di sicuro non falsi.

In breve, parlo come partecipante alla serata del 12aprile, sarebbe bellissimo avere un vostro parere anche su quella! Grazie amici!
Lupulus
15 aprile 2012
Apprezzo l'ironia de "il mafioso" e sono d'accordo con lui: meno male che c'è gente che fa questi eventi. Paradossalmente, anche no: non vuol dire che se una cosa c'è, per forza bisogna dire "meno male che l'hanno fatta". San Remo ormai è diversi anni (decadi) che una persona munita di un minimo di bagaglio musicale, che non vuol dire per forza "gusto personale", non menzionerebbe mai tra le cose del tipo "meno male che l'hanno fatto anche quest'anno". Il tema di fondo rimane in auge: la giuria ha il compito di "bloccare" certi artisti e farne passare altri. Se un'artista passa e noi ("noi" popolo, noi ascoltatori) non lo riteniamo, a nostro personale sentimento, degno di esser lì ovvero primo fra tutti, la colpa non è tanto del suddetto artista in quanto la sua esperienza poteva finire li se una giuria più accurata, più tecnica e meno popolare, fosse stata maggiormente attenta.
Poi come detto, nascono i vari Carta e amici vari che ci infestano le radio, senza dire nulla di nuovo e senza alcuna idea musicale veramente innovativa. Lì la "colpa" (chiamiamola così, per convenzione linguistica) di chi è? Se non era quell'artista lì era un altro dai gusti simili... Rendiamocene conto.
La giuria deve fermare questo flusso continuo di musica già sentita, poco strutturata, priva di una ricerca musicale interessante o di testi artistici invece di promuovere chi produce musiche e testi diretti, richiamanti alle stesse cose o emozioni e per forza immediati. Ed allora finiranno i solisti, le band, gli ensemble promuoventi cose che ricadono nel facile calderone del già sentito ammiccante al pubblico. Pubblico visto come consumatore immediato, di quella serata: che deve capire tutto e subito. A mio avviso, in quanto facente parte del pubblico, è un modo degradante di vedere l'ascoltatore: le più belle opere musicali sono quelle che ad ogni ascolto nuovo lasciano un ulteriore nuovo significato, arricchendo sempre più, in qualche modo, l'ascoltatore.
Giuria: dimostrateci che riuscite ad essere più una giuria tecnica ed artistica e meno una giuria popolare. Per quello abbiamo già San Remo.
Confido, o meglio confidiamo, in voi
AndreaL
13 aprile 2012
@Lupu

L'artista dovrebbe sentire se ciò che fa ha la dignità minima per essere proposto su un palco.
O in assenza di ciò , almeno essere dotato una buona dose di autoironia.

Io alla giuria darei un premio speciale per quello che spesso sono costretti a sopportare . altrochè
il mafioso
12 aprile 2012
le giurie sono fatte di uomini.
di uomini d'onore se ti fanno vincere.
di uomini morti se ti fanno perdere.
è difficile trovare un nome che mette tutti d'accordo, dobbiamo ringraziare dio se al giorno d'oggi qualcuno si prende la briga di organizzare un "concorso di paese" se no gente come ammià la chitarrina se la ficcherebbe in do cuuuuuulo
Lupulus
11 aprile 2012
@ giovanni lindo
Parto sempre dal presupposto che, al di la dei gusti musicale, siamo fra persone intelligenti. Dimostrazione è ciò che hai scritto ("chi sale su un palco dev'essere rispettato"). Qui siamo in una sorta di concorso di paese ecco perché, a mio avviso, i pareri "inveenti" fini a se stessi sanno molto di "guerra fra poveri" (nel senso lato del termine, è ovvio). Preferirei dare, in tal senso, addosso a chi sta scavalcando le classifiche nazionali con canzoni (veramente) indegne. Le cattiverie (chiamiamole così, giusto per dargli un nome), per il momento, non credo se le meriti nessuno degli artisti saliti fin'ora.
Qui devo fare un appunto: tutti hanno il diritto di esprimersi con la musica e di farla e, in quanto concorso, ci deve essere un "ente" che faccia proseguire quello meritevole (la giuria). E' per questo che non me la sento di prendermela direttamente con l'artista (lui alla fine fa ciò che sente) ma con la giuria.
Giuria: dovreste far passare l'innovativo, il difficile ma artistico, il semplice ma geniale e nuovo nel suono e nei temi, la ricerca musicale... Non le solite canzoni all'italiana dai testi cantautorali a tutti i costi o immediate perché semplici o perché vi ricordano qualcosa di già sentito. Se no vi omologate ad ogni altro concorso nazionale esistente... Ed allora non lamentiamoci se le in radio passano Marco Carta, Scanu, Emma e tutti gli amici di Maria de Filippi. Perché il vostro giudizio sembra sia andato in quella direzione. E la cosa è preoccupante
giovanni lindo fairutti
11 aprile 2012
@ lupulus
No, non credo di aver offeso nessuno, ho solo espresso un parere negativo (se vuoi provocatorio) su un testo/canzone che partecipa al premio Daolio 2012.
Chi ha detto che una critica deve essere per forza costruttiva?( spesso non vengono neanche ascoltate), e chi ha detto che un parere deve essere "politically correct"?
Sono d'accordo con te, "chi sale su un palco dev'essere rispettato" (come del resto chi stà giù), ma dovrebbe secondo me avere anche un briciolo di autoironia, cioè accettare (e anche respingere, dibattere) il parere negativo, la critica provocatoria e quant'altro, ma non prendere tutto come "offesa alla mamma"....
il pizzetto
10 aprile 2012
io penso che sia la solitudine a spingere le persone a scrivere canzoni. e quindi sia normale il fatto che molte canzoni parlino di solitudine. in fondo penso di scrivere proprio perchè sono un disadattato,lo sarei in una metropoli moderna come in paesello in provincia di reggio emilia. quello che è banale se volete è lo svolgimento del tema, non il tema stesso...
AndreaL
10 aprile 2012
Mi scusi Lupulus: ma chi avrebbe offeso il Sig.Fairutti?
Forse è l'aver usato la versione volgare di "pene" che le ha causato fastidio?
A parte quello credo esprima, seppur in modo colorito, un punto di vista per molti versi condivisibile.
Non basta saper suonare correttamente una chitarra ed essere intonati ( forse è addirittura un'aggravante) se poi non si ha , di fatto, nulla da dire.
O meglio : se si parla di "" la solitudine dell'uomo nelle metropoli moderne.....dove in mezzo a tanta gente ci si sente soli" , di banalità, di luoghi comuni.

"Siamo isole nell'oceano della solitudine..." recitava Scialpi...

Anche i Pooh con la loro " Uomini soli"
"Ci sono uomini soli per la sete d'avventura
perché han studiato da prete o per vent'anni di galera
per madri che non li hanno mai svezzati
per donne che li han rivoltati e persi
o solo perché sono dei diversi."

Insomma siamo dalle parti del trash... a mio modo di vedere s'intende.

Le pare maggiormente costruttiva questa mia critica?

Saluti

ps. se vuole sapere il mio nome e cognome contatti pure la direzione del Daolio che la darà la mia mail.
Lupulus
8 aprile 2012
@giovanni lindo: gentilmente, mi piacerebbe molto sapere chi tu sia per poterti permettere di insultare( perché i tuoi sono insulti gratuiti, non certo critiche costruttive) dei musicisti che salgono su un palco. Palco che hai scelto tu di frequentare. Non ti é piaciuto? Ci sta ma non di certo mancar di rispetto alle persone in quanto tali. Se no devi aver il coraggio di andar dai suddetti e dirgli quanto hai scritto di persona
giovanni lindo fairutti
7 aprile 2012
" la solitudine dell'uomo nelle metropoli moderne.....dove in mezzo a tanta gente ci si sente soli" a me non frega un cazzo, io stò a cerreto alpi e qui non corro il rischio di ascoltare queste poesie....
comprate XL di Repubblica c'è un mio cd dal vivo con 40 minuti di rutti, 20 minuti ispirati a Papa Ratzinger e 20 minuti ispirati alla lega nord...
saluti dal crinale.
Lardo Grasso
6 aprile 2012
"balsamo eccezionale per i nodi dell'anima"....
Oppure immenso martello penumatico distruttore di maroni altrui...
Dipende....

geronimo
5 aprile 2012
@ andrea. son d'accordo con te, anch'io quando guardo e ascolto un concerto, provo emozioni, mi diverto, mi piace, non mi piace, mi fà incazzare, mi fà tenerezza, mi commuove, ecc. ecc.
detto questo, mi pare che questo spazio sia fatto apposta x parlare, scrivere, giudicare, stimolare, criticare ecc ecc.
Lardo Grasso
5 aprile 2012
Non ero presente alla serata.
Faccio la mia classifica in base ai soli video.

1) L'armata corrallini ( nonostante a tratti mi sembri di ascoltare i Jethro Tull...non proprio un gruppo s'avanguardia)

2) Uma .. tutto sommato non male.... concordo che il batterista dovrebbe azzeccare gli stacchi

3) Free Mont...
Andrea
5 aprile 2012
La musica è un mondo meraviglioso, il palco riesce a elevare l'uomo ben oltre i propri limiti. Poi si stacca il jack, i musicisti
smontano gli strumenti, il pubblico defluisce e si ritorna alle banali chiacchiere e ai giudizi universali. E' un miracolo che la musica, suonata e non discussa, riesca spesso a far dimenticare agli uomini la propria condizione e le logiche del vivere moderno. Quando questo succede la musica si chiama "emozione". Lasciamo parlare la musica o, come direbbe Barry White, "let the music play"... Non decodifichiamo l'emozione, viviamola e basta. E' un balsamo eccezionale per i nodi dell'anima.
geronimo
5 aprile 2012
il barcellona và in semifinale con un rigore regalato, e fre monti và in finale con un arbitraggio scandaloso....FREE MONTI cioè "liberate quest'uomo dai suoi miti, dalle cover dei suoi miti, e dal mito della tecnica...poi se rimarrà qualcosa da ascoltare, lo ascolteremo volentieri.....
RACHELE, piacere di averti conosciuta, sei stata l'unica con una originalità di idee e una personalità propria, solitamente in un premio "autoriale" dovrebbe contare, qui non ha contato, peccato cmq vincitori morali della serata.
UMA bravi, ma troppo rumore per nulla, anche se il pezzo in concorso (tra i tre della serata) è stato il migliore sia come testo che come arrangiamento.
all'annuncio del vincitore, ho aperto gli occhi e pensavo di trovarmi al fianco di....elio, morgan, mara maionchi ecc...invece ero ancora al calamita...bah....
edizione daolioweb di reporter
4 aprile 2012
a.a.a Uma gruppo rock con suono potente cerca batterista che sappia tenere il tempo per completare organico di tutto rispetto.

Cercasi Urgentemente Cantante per leziosissimo gruppo bolognese, soltanto per dimostrare al chitarrista e al tastierista che essere intonati non è un optional se vuoi cantare.

Cantante Eccezionale e chitarrista stratosferico cercano locale per fare serate di pianobar a suon di cover inflazionate e pezzi inediti con tre accordi.
COMMENTA »



Vota online o via SMS
Dai il tuo voto al gruppo o al solista che si esibirà questa settimana!
Invia la tua preferenza con un SMS o direttamente dal sito.
Per saperne di più »

Iscriviti alla newsletter
Un servizio che ti terrà aggiornato su tutti gli appuntamenti del concorso!
Per registrarti inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il link Iscriviti.
Iscriviti »


Copyright © 2010-2012 - NUOVO PREMIO CENTRO GIOVANI AUGUSTO DAOLIO - privacy